VERSIONE GRAFICA

AER

salta la navigazione e vai al contenuto


home page >  Perchè un nuovo progetto

L’impianto di incenerimento dei rifiuti I Cipressi, attualmente in funzione in località Selvapiana (Rufina), è stato costruito 30 anni fa (nel 1975). Nel 1995 è stato dotato di nuovi sistemi di riduzione delle emissioni.

Oggi, a fronte delle nuove tecnologie disponibili, e per adeguarsi alle normative europee sempre più stringenti, il vecchio impianto di incenerimento deve trasformarsi in un moderno termovalorizzatore.

L’ampliamento dell’impianto “I Cipressi” risponde alle direttive dell’Unione europea che impongono ad ogni comunità di essere responsabile dei rifiuti prodotti, di farsi carico del loro smaltimento e di impegnarsi affinché nessun rifiuto possa essere messo in discarica se non quando ogni risorsa sia stata recuperata.

Gli obiettivi

Col progetto di ampliamento dell’impianto di incenerimento di rifiuti urbani ed assimilati “I Cipressi” AER S.p.A. intende fornire una risposta mirata e responsabile allo smaltimento dei rifiuti, ponendosi questi obiettivi principali:

  • incentivare la riduzione della quantità dei rifiuti
  • promuovere il riutilizzo dei prodotti e il riciclo dei materiali;
  • trattare la parte residua dei rifiuti (non altrimenti recuperabile) attraverso l’incenerimento e la produzione di energia elettrica, come scelta alternativa al semplice accumulo in discarica;
  • realizzare un ciclo completo e integrato nell'impiantistica dedicata alla gestione dei rifiuti urbani ed assimilati in un’area che occupa parte delle Province di Firenze e Arezzo: la Valdisieve, il Valdarno Fiorentino e il Valdarno Aretino.

Il progetto tiene conto delle indicazioni normative e delle pianificazioni provinciale, regionale e di ambito in materia di gestione dei rifiuti.

Il termovalorizzatore è destinato a chiudere il ciclo di gestione dei rifiuti di una vasta area a cavallo tra le Province di Firenze e di Arezzo: pertanto, il sistema di impianti disegnato per tale area dalle due Province, sostenuto dai Comuni coinvolti, sarà dedicato alla valorizzazione, trattamento e smaltimento dei rifiuti prodotti all'interno di tale area.

Il termovalorizzatore non è un'alternativa ma un necessario complemento alla raccolta differenziata

I comuni impegnano da tempo ingenti risorse per incrementare la raccolta differenziata e ridurre alla fonte la produzione dei rifiuti.

La raccolta differenziata ha il preciso obiettivo di intercettare materiali per un loro riutilizzo, riciclaggio o reimpiego, dopo idoneo trattamento, nella produzione di beni, in modo da ridurre il consumo di materie prime.
Pertanto, incrementare la raccolta differenziata, grazie all'indispensabile contributo dei Cittadini che separano i rifiuti già nelle proprie abitazioni, equivale a risparmiare risorse naturali e, di conseguenza, a ridurre l'insieme degli scarti finali.

La termovalorizzazione serve per trattare l’ultima frazione dei rifiuti che non può essere avviata agli impianti di riciclo, non si contrappone e non è alternativa ma complementare alla raccolta differenziata.

L'impianto I Cipressi tratterà quindi i rifiuti urbani e assimilati agli urbani che rimangono fuori dalla raccolta differenziata perchè non si prestano ad essere valorizzati attraverso il recupero dei materiali. In alternativa questi rifiuti dovrebbero finire per ammassarsi nelle discariche.

 


 

IL TERMOVALORIZZATORE I CIPRESSI  di A.E.R. Ambiente Energia Risorse SPA
via Marconi 2/bis - Loc. Scopeti - 50068 RUFINA (FI)
 numero verde: 800 011 895 - tel. 055 839561  - fax 055 8399435
www.aerspa.it    -    e-mail: info@aerweb.it